La campagna elettorale online parte a rilento su Twitter, ma rileva già alcuni aspetti interessanti. I leader del centro-destra, in particolare Salvini e Berlusconi, sono sicuramente i più attivi, mentre il resto dei leader twitta con parsimonia. Il leader del partito del web è sorprendentemente tra i meno attivi, solo Grasso risulta meno produttivo in termini di status prodotti. I followers di Salvini sono quelli che si impegnano di più nel commentare (reply), apprezzare (favorite) e diffondere (retweet) i suoi post, ma anche Renzi e Di Maio, con un numero di tweet largamente inferiore, riescono ad attivare in modo significativo la loro base online. Sembrano già delinearsi strategie differenti nell’uso di questo social, che occorrerà monitorare e approfondire per il resto della campagna elettorale.

Chiudi il menu